DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DI INTERFERENZA

corsi-formazione-_0002_DOCUMENTO-UNICo-VALUTAZIONE-RISCHI-DI-INTERFERENZA

RIFERIMENTO LEGISLATIVO

Art.26 comma 3 del D.Lgs.81/08 e s.m.i.

TARGET
In caso di affidamento di lavori, servizi e forniture a imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi all’interno della propria azienda, o di una singola unità produttiva della stessa, nonché nell’ambito dell’intero ciclo produttivo dell’azienda medesima. Tale documento deve essere allegato al contratto di appalto o di opera. L’obbligo di redigere il DUVRI non si applica ai servizi di natura intellettuale, alle mere forniture di materiali o attrezzature, nonché ai lavori o servizi la cui durata non sia superiore ai due giorni, sempre che essi non comportino rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici, atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari
di cui all’allegato XI Del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

SANZIONI
In caso di inadempimento, il datore di lavoro - dirigente è punibile con arresto da 2 a 4 mesi o con ammenda da €1.500 a €6.000.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
Sopralluogo/sopralluoghi di raccolta dati; Redazione del Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza; Consegna della documentazione redatta.

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

corsi-formazione-_0003_VALUTAZIONE-DEL-RISCHIO-CHIMICO

RIFERIMANTI LEGISLATIVI

Titolo IX Capo I D.Lgs. 81/08

TARGET
Tutte le aziende con almeno un lavoratore subordinato, parasubordinato, equiparato, volontario o lavoratore autonomo in esclusiva che utilizza, manipola o è esposto ad agenti chimici.

SANZIONI
In caso di inadempimento, arresto da tre a sei mesi o ammenda da €2.500 a €6.400 al datore di lavoro e al dirigente

MODALITÀ D’EROGAZIONE
Sopralluogo/sopralluoghi di raccolta dati (verifica documentale, e visita dei luoghi di lavoro); Redazione del Documento di Valutazione del Rischio Chimico; Consegna della documentazione redatta

SCADENZA DEL SERVIZIO
L’aggiornamento del Documento di Valutazione del Rischio viene solitamente effettuato in occasione di variazione dei livelli di rischio e/o dei processi di lavoro.
Di fatto si consiglia almeno un aggiornamento annuale che il datore di lavoro può far coincidere con la riunione periodica del Servizio Prevenzione e Protezione.

MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI

corsi-formazione-_0004_MOVIMENTI-RIPETITIVI-DEGLI-ARTI-SUPERIORI

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Titolo VI del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

TARGET
Tutte le aziende con almeno un lavoratore subordinato, parasubordinato, equiparato, volontario o lavoratore autonomo in esclusiva soggetto a movimentazione  manuale di carichi leggeri ad alta frequenza comportanti patologie da sovraccarico biomeccanico. La presenza di tale sovraccarico in linea generale è riconducibile alle attività lavorative che presentano le seguenti caratteristiche:
- compiti a cicli di durata uguale o inferiore a 15 secondi per almeno 4 ore nel turnolavorativo
- compiti a cicli, indipendentemente dalla loro durata, durante l'intero turno lavorativo
- uso ripetuto di forza almeno 1 volta ogni 5 secondi
- compiti che comportano la presenza ripetuta di posizioni o movimenti estremi degli arti superiori
- uso prolungato di strumenti che creano vibrazioni ripetute

SANZIONI
In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con arresto da 3 a 6 mesi o con ammenda da €2.500 a €6.400.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
Il servizio prevede la valutazione della stima del rischio di postazioni e compiti di lavoro manuali e ripetitivi e comprende: Sopralluogo in azienda; individuazione delle  postazioni, degli addetti e dei movimenti svolti; valutazione dei carichi e delle modalità di movimentazione; stesura e analisi della stima del Rischio secondo la check list OCRA; consegna della documentazione redatta

SCADENZA DEL SERVIZIO
Non è prevista alcuna scadenza a meno di: variazione dei livelli di rischio e/o dei processi di lavoro, a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità.

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

corsi-formazione-_0005_MOVIMENTAZIONE-MANUALE-CARICHI

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Titolo VI del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

TARGET
Tutte le aziende con almeno un lavoratore subordinato, parasubordinato, equiparato, volontario o lavoratore autonomo in esclusiva soggetto a movimentazione manuale dei carichi che comportano rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari.
A tal fine, s'intendono:
a) movimentazione manuale dei carichi: le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre,  spingere, tirare, portare o spostare un carico, che, per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano rischi di patologie  da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari;
b) patologie da sovraccarico biomeccanico: patologie delle strutture osteoarticolari, muscolotendinee e nervo-vascolari.

SANZIONI
In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con arresto da 3 a 6 mesi o con ammenda da €2.500 a €6.400.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
La valutazione del Rischio Movimentazione Manuale dei Carichi comprende: Sopralluogo in azienda; individuazione degli addetti e dei movimenti svolti; valutazione dei carichi e delle modalità di movimentazione; stesura e analisi della valutazione del Rischio secondo il metodo più opportuno (per azioni di sollevamento verrà applicato il metodo NIOSH; per azioni di tiro e spinta il metodo SNOOK E CIRIELLO); consegna della documentazione redatta

SCADENZA DEL SERVIZIO
Non è prevista alcuna scadenza a meno di: variazione dei livelli di rischio e/o dei processi di lavoro, a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità.

MISURE DI VIBRAZIONE

corsi-formazione-_0006_MISURE-VIBRAZIONE

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Titolo VIII Capo III D.Lgs. 81/08

TARGET
Tutte le aziende con almeno un lavoratore subordinato, parasubordinato, equiparato, volontario o lavoratore autonomo in esclusiva che sia soggetto a vibrazioni trasmesse al sistema manobraccio o trasmesse al corpo intero.

SANZIONI
In caso di inadempimento, arresto da tre a sei mesi o ammenda da €2.500 a €6.400 al datore di lavoro e al dirigente.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
Sopralluogo di raccolta dati (verifica documentale e visita dei luoghi di lavoro); Redazione dei rapporti con risultati delle misure effettuate; consegna della documentazione

NOTE AL SERVIZIO
Costi da valutare a seconda dello strumento. La valutazione deve essere effettuata seguendo attentamente le linee guida ISPESL

SCADENZA DEL SERVIZIO
L’aggiornamento del servizio deve essere stabilito dal datore di lavoro, quando si presentino variazioni nel personale assunto soggetto al rischio specifico, o all’acquisto di nuove attrezzature di lavoro, tranne che per impianti Tecnici particolari dove non si è sottoposti all’azione da vibrazioni, si consiglia l’effettuazione delle misure per una attenta e puntuale valutazione dei rischi anche su richiesta degli enti competenti.

INDAGINI FONOMETRICHE

corsi-formazione-_0007_INDAGINI-FONOMETRICHE

RIFERIMENTO LEGISLATIVO

Titolo VIII Capo II D.Lgs. 81/08

TARGET
Tutte le aziende con almeno un lavoratore subordinato, parasubordinato, equiparato, volontario o lavoratore autonomo in esclusiva esposto a sorgenti di rumore.

SANZIONI
In caso di inadempimento, arresto da tre a sei mesi o ammenda da €2.500 a €6.400 al datore di lavoro e al dirigente.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
Sopralluogo/sopralluoghi con fonometro per misurazione del rumore e raccolta dati; Predisposizione della relazione con calcolo dell'esposizione per mansione; Consegna della documentazione redatta.

NOTE AL SERVIZIO
Alla relazione di calcolo, è generalmente allegata la planimetria indicativa dei punti ove è stata effettuata la misura.

SCADENZA DEL SERVIZIO
Per l’aggiornamento della relazione fonometrica, vengono indicati intervalli "opportuni" di periodicità quadriennale. La misurazione va comunque ripetuta in caso di: variazione delle attrezzature e macchinari; variazione delle modalità di lavoro.

PROVE DI EVACUAZIONE

corsi-formazione-_0008_PROVE-EVACUAZIONE

RIFERIMENTO LEGISLATIVO

Art. 7.4 DM 10/03/98

TARGET
Nei luoghi di lavoro ove, ai sensi dell’art. 5 del D.M. 10/03/98, ricorre l’obbligo della redazione del piano di emergenza connesso con la valutazione dei rischi, i lavoratori  devono partecipare ad esercitazioni antincendio, effettuate almeno una volta l’anno, per mettere in pratica le procedure di esodo e di primo intervento. Il piano di  emergenza è obbligatorio per tutte le attività con almeno 10 lavoratori e tutte, senza alcun parametro di esclusione, le attività soggette al controllo da parte dei  Comandi provinciali dei vigili del fuoco ai sensi del DPR 151/2011.

SANZIONI
In caso di inadempimento, è previsto l’arresto da due a quattro mesi o l’ammenda da €1.200 a €5.200 al datore di lavoro – dirigente.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
La prova di evacuazione ha l'obiettivo di simulare una situazione di emergenza, durante la quale verrà effettuata l'evacuazione dell'edificio percorrendo le vie di fuga. Lo  scopo è la familiarizzazione con un'eventuale situazione di emergenza. E’ prevista una riunione iniziale con i lavoratori e con gli addetti alle emergenze per la pianificazione della prova di evacuazione; la simulazione della procedura di allarme; la riunione finale per resoconto simulazione.

NOTE AL SERVIZIO
Al termine della prova viene rilasciato un verbale di avvenuta prova di evacuazione.

SCADENZA DEL SERVIZIO
La prova di evacuazione dai locali deve essere ripetuta annualmente.

RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

corsi-formazione-_0013_RESPONSABILE-DEL-SERVIZIO-PREVENZIONE-PROTEZIONE

RIFERIMENTO LEGISLATIVO

Art. 17, 31 e 32 D.Lgs. 81/08.
 
TARGET
Tutte le aziende con almeno un lavoratore subordinato, parasubordinato, equiparato, volontario o lavoratore autonomo in esclusiva.
 
SANZIONI
In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da €2.500 a €6.400. In base all’allegato 1 al D.Lgs. 81/08 l’inadempimento può portare all’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.
 
MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
Il consulente designato quale Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, collabora con il Datore di Lavoro al fine di: individuare i fattori di rischio e valutarne l'entità;individuare le misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente; elaborare le misure preventive e protettive;  stabilire i sistemi di controllo e mantenimento di tali misure; elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali; proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori.
 
NOTE AL SERVIZIO
Il D.Lgs. 81/08 non prevede responsabilità né sanzioni specifiche per questa figura. Ciò è dovuto al fatto che il RSPP non ha a priori potere decisionale o di spesa, ma solo funzioni consultive.
 
SCADENZA DEL SERVIZIO
Il servizio si intende a tempo indeterminato, fino a disdetta della nomina stessa che dovrà essere tempestivamente comunicata alle autorità competenti.

PIANI DI EMERGENZA

corsi-formazione-_0009_PIANI-EMERGENZA

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Art. 46 D.Lgs. 81/08
Art. 5 DM 10/03/98

TARGET
Tutte le attività con almeno 10 lavoratori e tutte, senza alcun parametro di esclusione, le attività soggette al controllo da parte dei Comandi provinciali dei vigili del fuoco ai sensi del DPR 151/2011.

SANZIONI
In caso di inadempimento, è previsto l’arresto da due a quattro mesi o l’ammenda da €1.200 a €5.200 al datore di lavoro – dirigente.
In base all’allegato 1 al D.Lgs. 81/08 e s.m.i. l’inadempimento può portare all’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
Sopralluogo/sopralluoghi di raccolta dati; Redazione del Piano di Emergenza e delle planimetrie;
Consegna della documentazione redatta.

NOTE AL SERVIZIO
Le planimetrie, a meno di richiesta specifica da parte del Cliente, sono fornite in formato A3/A4 a colori (per l'affissione).

SCADENZA DEL SERVIZIO
Non è prevista alcuna scadenza a meno di:
modifiche dei locali e dei sistemi di
allarme;
sostituzione degli addetti della squadra
antincendio;
variazioni sostanziali di dati importanti
relativi alla
gestione delle emergenze.

VALUTAZIONE STRESS LAVORO CORRELATO

corsi-formazione-_0010_VALUTAZIONE-STRESS-LAVORO-CORRELATO

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Art.28 comma 1 del D.Lgs.81/08 e s.m.i.

TARGET
Tutte le aziende con almeno un lavoratore subordinato, parasubordinato, equiparato, volontario o lavoratore autonomo in esclusiva.

SANZIONI
In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con ammenda da €1.000 a €2.000.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
Sopralluogo / sopralluoghi e raccolta dati; Predisposizione della relazione; Consegna della documentazione redatta.

SCADENZA DEL SERVIZIO
L’aggiornamento deve essere effettuato in occasione di variazione dei livelli di rischio e/o dei processi di lavoro, a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della  sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. Nelle ipotesi di cui sopra, il documento di valutazione dei rischi deve essere rielaborato nel termine di trenta giorni dalle rispettive causali
Un aggiornamento è comunque necessario entro un periodo di tempo non superiore a 2 anni.

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DONNE GESTANTI

corsi-formazione-_0011_VALUTAZIONE-DEL-RISCHIO-DONNE-GESTANTI

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Artt. 17 e 28 D.Lgs. 81/08

TARGET
Tutte le aziende con almeno una lavoratrice subordinata, parasubordinata, equiparata, volontaria o lavoratrice autonoma in esclusiva.

SANZIONI
In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con ammenda da €1.000 a €2.000.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
Sopralluogo/sopralluoghi di raccolta dati (verifica documentale e visita dei locali); Redazione del Documento di Valutazione del Rischio per donne gestanti;Consegna della documentazione redatta.

NOTE AL SERVIZIO
Secondo le esigenze del cliente, in fase di aggiornamentodella documentazione possono essere predisposti: Fac simili di comunicazioni varie alle lavoratrici o alle autorità di competenza; Fascicoli informativi per le lavoratrici.

SCADENZA DEL SERVIZIO
L’aggiornamento del Documento di alutazione del Rischio deve essere effettuato in occasione di variazione dei livelli di rischio e/o dei processi di lavoro, a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la Cod: VDR


VALUTAZIONE DEL RISCHIO

corsi-formazione-_0012_VALUTAZIONE-DEL-RISCHIO

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Art. 17, 28 e 29 del D.Lgs. 81/08.

TARGET
Tutte le aziende con almeno un lavoratore subordinato, parasubordinato, equiparato, volontario o lavoratore autonomo in esclusiva.

SANZIONI
In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da €2.500 a €6.400. In base all’allegato 1 al D.Lgs. 81/08 l’inadempimento può portare all’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

MODALITA' DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO
Sopralluogo/sopralluoghi di raccolta dati (verifica documentale e visita dei locali); Redazione del Documento di Valutazione del Rischio; Consegna della documentazione redatta.

NOTE AL SERVIZIO
Secondo le esigenze del Cliente, in fase di aggiornamento della documentazione possono essere predisposti: Fac simili di nomina; Fac simili di comunicazioni varie ai dipendenti o alle autorità di competenza; Fascicoli informativi per i lavoratori.

SCADENZA DEL SERVIZIO
L’aggiornamento del Documento di Valutazione del Rischio deve essere effettuato in occasione di variazione dei livelli di rischio e/o dei processi di lavoro, a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. Nelle ipotesi di cui sopra, il documento di valutazione dei rischi deve essere rielaborato nel termine di trenta giorni dalle rispettive causali. Di fatto si consiglia almeno un aggiornamento annuale che il datore di lavoro può far coincidere con la riunione periodica del Servizio Prevenzione e Protezione (ove prevista).

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information